NINNE NANNE - PREGHIERE -LITANIE-RITORNELLI

 

ORAZIONI DI SANTA BRIGIDA:

i mi curcu pi durmiri ,
na lu sonnu pozzu muriri ,
se nunnaiu cunfissuri
pirdunatimi Signuri.
(raimondo gissara)

I mi curcu pi durmiri,
nni lu sonnu pozzu muriri,
se nu'mm'arrivo a cunfissari
pirdunatimi Signuri

(Rosetta Daquino)

Oh e di la oh dormi stu figghiu da mamma to
e se stu figghiu nun muoli durmiri , naticateghi quantu naviri
naviri 500 figghiu di oro figghiu d'argentu
oh oh oh dormi stu figghiu da mamma to (
Paola Glorioso Mia mamma cantava questa a me e mio fratello )

Sciddicaiu di na costa e mi rruppi na costa. Annaiu no dutturi costa e ci dissi: Dutturi costa quantu mi costa sta costa? "Figghiu miu, cara ti costa!" "ma quantu mi costa e ccosta...aggiustatimi sta costa" (Giuseppe Gaetano Trigili)

Sutto'o lettu da zza Cicca c' na iatta sicca sicca, cu parra prima sa va allicca (Francesco Gambilonghi)

Luna lunedra fammi na cudruredda fammilla bedra ranni quantu a portu a S. Giovanni . S. Giovanni si la pigghia pi l' amuri di sa figghia. Sa figghia e' scali scali va rumpenno li quartari - i quartari sono chini di mieli viva S. Paolo e S. Michele (Sebastiano Rosa Giaquinta)

 E S. Francesco di Paola consamuci la tavula, ci la consamu cu pani e pisci ca sta figghia s'addurmisci, ci la cunsamu cu pani e carni ca sta figghia crisci ranni...(Sebastiano Rosa Giaquinta)

Dumani duminica, tagghimmu a testa a Minica, Minica nun c', tagghimmi a testa U re, U re  malato tagghiamo a testa o surdato ... u surdato fari a guerra tippiti tappeti u culu n terra (Turi Terzo- Andrea Failla)

"Suttu o liettu d' zi Mattia in'ginucchiuni cuttuni cugghia"!!! (Biagio Barberi)


Clo clo clo, vattinni a piscilo' ti fazzu na canniedda commu a chieda di Giuvanniedda ( Maria Grazia Paparone)  Questa filastrocca si recitava tre volta quando si faceva la zampogna con un filo d'erba (Francesco Mazza)

Caterina Caterina
ti do questa rosa
come segno del mio amor
dimmi se nel tuo cuor
c'e' un po' del tuo amor

(Tanu Martillanu)

Nni stu liettu mi curcu i
cincu santi mi truovu i
dui da testa e dui de' pieri
nni lu menzu c' lu Signuri Diu.
Cu Ges mi curcu
e cu Ges mi stai
sennu cu Ges
paura nunn'aiu
Iu sacciu la iurnata
ma nun sacciu la nuttata
mi raccumannu a Vui
Matri Annunziata.
Nunziatedda di l'Anciulu santu
Anciulu Santu custudisci a mia
s'a fattu beni in Grazia di Diu
apritimi li porti
di lu Santu Pararisu.

(Rosetta Daquino)

N'angilu do cielu
ci calatu na stola cruciata
na testa lucentissima,
Spiritu Santu spera,
Spiritu Santu libera,
ppi la vostra Santa podest...

( si ripete 5 volte )
(Rosetta Daquino)

Bedda Natri di Bon Boscu
di Bon Boscu siti murata
siti stella matutina e di razzii caricata
susiti angilu e nun durmiri
e tri nivuli viri viniri
una di acqua
una di ventu
una di rannuli traunari.

Pigghia n'cutieddu
spaccala n'menzu
iettila nni la chi funna cava
unni n'ci luci luna
unni n'ci canta iaddu
unni n'c nessuna anima criatura.

(Si ripete tutta per tre volte).

Pasqua di duminica
Natali nunn'ha iurnata
di iovi l'Ascinsioni
ti scungiuru tentazioni

(Si ripete per tre volte e si fa la croce con un coltello tenendolo nella mano sinistra).

Preghiera di zia DDia

(Sentita dalla compianta Donna DDia nel 1971)

Cu li larmuzzi mia li pieri abbagnu,
cu lacrimi suspiru e mi cunfunnu.
Diu mi chiama e la Cruci mi spagna
e aiu piccati assai, perci nun miegnu.
- Si hai piccati assai nun mi nallagnu,
beni ti vuogghiu e pi figghia ti tiegnu;
pigghia stu sancu mia e fattini magnu.
Sarba a Ddiu e vieni a lu ma regnu.
Varda chi tirruri senti lanima mia
quannu si parti pi comunicari,
intra c la cortesia, c lu nostru Ddiu generali.
A vui mi raccumannu vergini Maria,
sta razzia mata a-ccuncieriri eternamenti
di putiri sarvari lanima mia.
Santu Nicola di Roma vina,
ntesta purtava na nobili cruna.
Nna puta n strinciri n allargari
pi li setti piccati murtali.
Ula diri setti voti centu
si tabbasta larma a lu sapiri mia.
Diu cri lommu cu travagghiu e stentu
cu lu santu sancu ca sparga.
Diu fici lu munnu nti mmumentu
e nti mmumentu lu biniricu.
A chi ti servi stu travagghiu e stentu;
si travagghi pi lu corpu e no pi Ddiu.
Sia lodatu e ringraziatu lu santu sacramentu.
Viva Maria matri di Diu.

(Vito Gambilonghi)

Filastrocca di li ziti

Chi ci pensi quann'erumo ziti?
ni manciaumu i favi caliati
e ura ca semu spusati,
cauci, pugni e timpulati.

 Iangilu baddangilu, pigghia Lu sceccu e puncilu, puncilu nto piddicu ca ti nasci na macchia i ficu.

Luna lunedda,
fammi na cudduredda
fammilla ranni ranni
quantu a portu a san giuvanni
san giuvanni nunna voli
e la portu a san nicola
san nicola si la pigghia
pi ll'amuri di so figgi
i so figghi scali scali
ca rrumazzunu i quartari
i quartari chini i mieli
viva viva san micheli
san micheli nto so chianu
va circannu a san mastianu
sanmastianu a miliddi(melilli)
va circannu i picciriddi
i picciriddi sunu o suli
ca rricuogghiunu u cuttuni,
ppi fari ca cammisedda a gesu bamminu.
mmaculata parturiu
fici un figghiu e ci muriu
si chiamava salvaturi
comu o nnommu do signuri

ma nnanna fici a pasta
a mia nun mi ni desi
sta pezzu di vicchiazza
chi collira ca mi desi
mi desi nsuddicieddu
maccattai nu sciccarieddu
arrivatu a palazzuolo
sciddica u sceccu e cari ta ssuoru

Giuseppe Gaetano Trigili

Io mi curcu ni stu lietto  Cu gesuzzo mio diletto
Unu la testa e due li pieri  Ni lu menzu c' signori Dio,...

itu itieddu, scocca d'anieddu, longu viddanu, allicca piatti e scaccia puruocchi"
'NNa chiana di Catania
'mparrinu macabbunno
va ncuitannu fimmini
e ppi circari u cunnu

Na picciuttiedda schietta
s'avia a cunfissari
Stu pezzu di parrinu
ci fici stu parrari

-Figghia chi l'hai beddu
-Figghia chi l'hai beddu
-Quannu n'ama manciari
-Stu beddu picciunieddu?
-E caliti i mutanni
-E isiti a cammisa
-E fammi arrifriscari
-Stu pezzu i cosa tisa

-E lieviti di supra
-Tutta mi stai ammaccannu
-Chi i ssu pezz'i cosa
-Ca ci stai appuntiddannu?

-E zittiti babbazza
-Nun fari la minchiuna
-Ca dda rintra la vulissutu
-Cu tutti li cugghiuna
-E primma o doppu nasci
-'Mparrinu macabbunnu

(Tanu Spina)

"panzaredda di tabbutu,
quantu pani t'ha mangiatu,
quantu vinu t'ha bbivutu,
pazaredda di tabbutu"

(Giuseppe Gaetano Trigili)

Santa Lucia a mar staca  or tagghiava e sta cusa
passa l maistr e c diss  -Lucia cch fai?
-iai l'uc?c?hiuzz malat 
-vai nll'ort mia e cuogghi  finocchi e dattr,
c l man l c?hiantai  c l per l pistai...

...continua...

"Carruvalazzu, vattinni a Miniu
fammi passari a mia quarantana,
vieni Pascuzza di lu cori miu,
manciammu a pasta cu la zafarana".

Giuseppe Gaetano Trigili
Mi viene in mente anche un'altra triste canzone. Lei, di origini nobili, si ammala d'amore per l'ortolano. La madre non capisce e crede che la figlia desideri gli ortaggi dell'orto.
O mamma mamma iu muoru iu muoru ca di sta cosa nti ll'ortu cci nne'.
O figghia figghia cchi vuoi pummaroru ca pummaroru nti ll'ortu cci nne'.
Poi non ricordo piu. Era l'ortolano che voleva. Amore impossibile
Enzo Trigili

 Poi finalmente la madre capisce cosa vuole la figlia e gli chiede se voleva l'ortolano. La figlia contenta perch la mamma gli dice che glielo dar in sposo.
Giuseppe Gaetano Trigili
Picurariddu ca mbrazzu mi tieni
fuiu ammazzatu cu l'acqua sirena e ppi la pinna do cuccurucu' l
u disgraziatu i maffrari fu.
Una specie di Caino e Abele
Enzo Trigili
Questa una favola di tre fratelli pastori. I due piu grandi si contendono la piuma di un uccello bellissimo, strappata da uno dei due all'uccello che stava bevendo nel fiume chiamato "acqua serena". L'altro fratello spinto da un desiderio morboso e chiede di avere la penna. Al rifiuto uccide il fratello e se ne impossessa. Poi sotterra il corpo del povero pastore. Anni dopo il fratello pi piccolo, portando le pecore a bere trova un osso e ne fa uno zufolo. All'improvviso questo zufolo si mette a cantare un motivo misterioso: ",,picurareddu Ca' mbrazzu mi tieni fuiu ammazzatu nall'acqua sireni e pi na pinna di Cuccurucu' l'assassinu maffrari fu". Resto sconvolto il povero pastore e lo fece vedere a suo padre, che mettendolo in bocca ottiene lo stesso motivo: "Patruzzu miu Ca' mbrazzu mi tieni........."
Il padre anche lui sconvolto chiama l'altro figlio che a suo tempo non aveva saputo giustificare la scomparsa del fratello e lo invita a suonare lo zufolo. Quest'ultimo terrorizzato non vuole suonare ma suo padre lo costringe e allora lo zufolo cambia tono: "Fratazzu miu Ca' mbrazzu mi tieni...............l'assassinio miu fusti tu. A questa orrenda rivelazione, l'assassino fugge disperato e sconvolto e nella foga cade nel fiume e annega.
Giuseppe Gaetano Trigili
 
 
 
 

 FRASI TIPICHE
una selezione di frasi, pubblicate  in gran parte su Facebook
 dai generosi buccheresi che lo stanno incrementato minutamente e che  permette di identificare un periodo, un luogo, una persona, un modo di dire e comunque l'anima  tipicamente e univocamente buccherese

 

Buccheri Antica