IL LUTTO  i segni. le usanze

A lu bon sensu  poesia sulle tradizioni funebri.(Nello Benintende)
-i specchi cummigghiati 'n casa do mortu, u cònsulu, e, ppi luttu u nastru niuru 'nta porta, 'nto carrettu e 'nta maschirina d'a machina. (Nello Benintende)
-a fascia niura 'nto prazzu. (Tanino Cannata)
-u buttuni niuru 'ntta cammisa.(Nello Benintende )
-i tarmini 'nta criesa, unni sunava u padri 'i Nellu Benintendi (Turi Terzo)
-si foderaunu i pinnenti de uricchini
-i chiesi erunu listati a luttu.. C'erunu i strisci niuri ca calaunu nto menzu e culonni (Maria Grazia Paparone)
-i niputi do mortu purtaunu u jummu nta carrozza murtuaria a finiu o cimiteru.. (Maria Grazia Paparone)
- nun si putia addumari a radiu o a televisioni pi cu l'avia....pi mmisi (Santo Santoro)
-i vicini a radio o a televisioni aviunu a mettire pianu (Marilena E Elio Iannello)
-i fimmini che fazzuletti niuri, un misi du misi siei misi du anni e appuoi... sbisitaunu (Graziella Bucchieri)
- fazzoletti do nasu pi l'ommi erunu che bordini niuru (Maria Grazia Paparone )
-le donne non si lavavano la faccia e non si facevano i capelli per un mese.(Giusy Brullo)
-I masculi purtavunu u tascu niuru.(Giusy Brullo)
-i masculi nun si faciunu a varba pi misi (Marilena E Elio Iannello)
-all'accumpagnamentu nun putiunu mancari " l'orfanelli de' monichi de canali.(Nello Benintende)
-Fino al secolo scorso le mortalità venivano annunciate con tocchi di campana ( in numero dispari se donna , di numero pari se maschio ) di S.M.Maddalena o di S.Antonio,a seconda dell'appartenenza. Il corteo funebre era accompagnato con i rispettivi " cataletti " ( vuoti, naturalmente ! ) (Nello Benintende)
-i strisci niuri ca si mittiunu 'nte criesi ammenzu e cullonni pè funerali si chiamavunu i tarmini. A Bucchieri di unu ca resta fermu, senza muvirisi si rici: "Chi sì misu a tarminu?" (Turi Terzo)
-Per chi era vestita di nero si dicia ca era ancarcata di niuru. (Giusy Brullo)
-no spurtellu da porta cera na catullina ca scritta "Lutto". (Giusy Brullo)
-Pe' morti masculi si usava mettiri nto tabbutu 'ntascu o 'ncappieddru , (come ab antiquo si metteva una moneta (Nello Benintende )

-Mia zia, novantatre anni, ogni volta che moriva un parente entrando nella casa del morto e avvicinandosi al feretro iniziava una lamentosa nenia mista di pianto e lamento, che durava un paio di minuti. Per lei sembrava che in casa ci fosse solo il morto. Quando finiva si guardava intorno e salutava i presenti (Giuseppe Gaetano Trigili)
-Deriva dalla tragedia greca, e i greci di usanze ce ne hanno tramandate. Le Prèfiche erano le donne piangenti , a pagamento. In tutto il meridione utilizzate fino a secolo scorso. Continuavano il pianto del congiunto che poteva poi dedicarsi ad altro...come salutare i presenti, appunto.(Nello Benintende)


LE ESCLAMAZIONI E LE ESPRESSIONI COLORITE UTILIZZATE  IN OCCASIONE DI UNA DIPARTITA
 

  I DUNI :
l'asta che si faceva per San Giuseppe e canali con in palio piatti di pastasciutta, pagnuccata ed altro

-Si faciunu i duni, piatti di pagnuccata, offerti a S.Giuseppi, do parco si facia l'asta dei piatti al miglior offerente, c'era macari ma patri ca facia u bandituri... L'urtumu piattu u mittia all'asta, facia fari u priezzu e poi su accattava iddu e u purtava ncasa pi niautri... M'arricordu i cudduri di pagnuccata...  Mi ricordu macari ca si, faciunu i virgineddi, c'erunu i filmmini ca ci prummittiunu a S.Giuseppe ca faciunu u mangiari (pasta maritata, significa pasta ammiscata, lonca e curta, cucinata ansemmili) e puoi chiamavunu tutti i carusi tutti da strata,19 quantu u nummuru di S.giuseppi e ni faciunu mangiari a sazietà... Tantu era facili a cucchiai 19 carusi, i strati erunu chini...
(Maria Grazia Paparone)
- il banditore dell'asta? Il grande Ciccu u Vicchittu    La frase fatidica..... e cari uni.... e cari dui...... e cari tri.... viva San Giuseppe(Francesco Gambilonghi )
- Anche mio padre faceva il banditore (Maria Grazia Paparone)
-Macari ma patri abbanniava i dunii, all'urtumu priezzu dicìa: Abbuccà! (Turi Terzo)
MI RICORDO IL  PADRE DI SALVATORE CHE ERA MOLTO BRAVO A BALLARE LA TARANTELLA FIGURATA IO HO BALLATO MOLTE VOLTE CON LUI IN PIAZZA E MI PIACEVA QUANDO CANTAVA UN CANTO ANTICO CANTATO A CANTALENE.....(Nella Calisti)

 
  LA SERENATA
t'arrivordi ca cuannu purtavunu a sirinata, puoi ci rapivano a porta e ci uffrieuni nuci, mennuli, fighi sicchi, etc. si eranu boni ricivuti, sino u lasciu a vosrra imaginazioni...............(María Acciarito)

se nun ci piacia ci sbacantavunu u rinali  (Turi Terzo )

Una mia poesia in riguardo SIRINATA ALLA SCIALATA *Francesco Mazza

 

 

© Buccheri Antica