U PIPI

Iu u pipi u fazzu accussi'
.... da na parieddra fazzu u suffrittu ca cipuddra tagghiata nica
doppu fazzu sciuogghiri u srattu na parieddra aiungiri u pipi e l'acqua e fallu bugghiri
mentri a tagghiatu u pani di casa nu pocu duru a pizziti e aiungiri nell'acqua e fari bugghiri finu a quannu l'acqua iè quasi asciutta e s'a furmatu comu na crema e u pani addivintatu caddrarusu ,
ti pozzu assicurari ca iè bbbonu na varianti si po fari quannu t'avanza nu pocu di ragù o di sugu ca puoi mettiri o postu do srattu chiù bbbonu ancura bon appitittu a tutti (Tavano Vito )

Far soffriggere due spicchi di aglio con olio EV d'oliva ed aggiungere peperoncino rosso secco. Quando l'aglio si è appassito aggiungere u strattu (circa 100 gr.) e stemperare con acqua fino a farne un liquido semifluido alto circa un centimetro. Salare e Fare cuocere per 5-10 minuti, quindi aggiungere le fette di pane di pasta dura secondo usanza buccherese. Le fette devono essere coperte a mettà dal liquido e devono essere girate dopo un paio di minuti per fare in modo da assorbire uniformemente la salsa. Far cuocere altri cinque minuti coprendo la padella e mangiare ben caldo. Note: Il pane fatto in altri paesi, essendo più lievitato si rammollisce e diventa pappetta, quello buccherese resta consistente. Il formaggio (provola, caciocavallo fresco, mozzarella) si può aggiungere ponendolo sopra le fette dopo averle girate.(Giuseppe Gaetano Trigili)
N'to pipì co pani a buccherisi nun ci violi furmanci (Maria Stella Mazza-Ponzo)
 
 

 

© Buccheri Antica